Quanti tipi di olio d'oliva ci sono?

L’olio d’oliva è tutto uguale? Pensateci quando fate la spesa

Esistoni molti tipi di olio:
  1. Olio extravergine di oliva: È il tipo di olio d’oliva di più alta qualità, ottenuto dalla spremitura a freddo delle olive, senza l’uso di prodotti chimici o di raffinazione. Ha un gusto fruttato e un aroma caratteristico, con un’acidità inferiore allo 0,8%. È ideale per l’utilizzo a crudo, come condimento per insalate, verdure, carni e pesce.
  2. Olio vergine di oliva: È anch’esso ottenuto dalla spremitura a freddo delle olive, ma ha un’acidità leggermente più alta, compresa tra lo 0,8% e l’1,5%. Ha un gusto meno intenso dell’olio extravergine di oliva ed è spesso utilizzato per la cottura o per preparazioni culinarie che richiedono un sapore meno pronunciato.
  3. Olio di oliva: È un tipo di olio d’oliva raffinato, ottenuto tramite processi di raffinazione chimica e/o filtrazione per rimuovere eventuali impurità e ridurre l’acidità. Successivamente, può essere miscelato con una piccola quantità di olio extravergine di oliva per migliorarne il sapore e l’aroma. Ha un sapore più neutro e viene spesso utilizzato per la cottura ad alta temperatura o per la frittura.
  4. Olio di sansa di oliva: È un olio ottenuto dalla spremitura delle paste residue delle olive dopo la prima estrazione per l’olio extravergine di oliva. Ha un sapore meno intenso e un’acidità più alta rispetto agli altri tipi di olio d’oliva ed è spesso utilizzato per usi industriali o per la produzione di sapone o cosmetici.
  5. L’olio d’oliva rettificato: è un tipo di olio d’oliva che è stato sottoposto a processi di raffinazione e purificazione per rimuovere eventuali impurità e odori indesiderati. Tuttavia, a causa di questi processi, può aver perso parte dei suoi nutrienti e delle sue caratteristiche organolettiche, risultando in un olio d’oliva di qualità inferiore rispetto all’olio extravergine di alta qualità.
Pane e Olio Novello